image

Simona Generali

 presenta

  

PUBLIC SPEAKING

 

 

Salve mi presento, mi chiamo Simona Generali e mi occupo di comunicazione teatrale dal 1994, da quando a Roma ho preso il Diploma presso la scuola di Teatro “Mulino di Fiora” d Perla Peragallo.

Da allora ne ho fatta di strada e di corsi di formazione per specializzarmi sempre di più in comunicazione.

Mi occupo di andare nelle scuole a insegnare Lettura creativa ai bambini delle classi Primarie fino ai ragazzi delle scuole professionali e i Licei.

Insegno agli adulti Lettura creativa, Recitazione, Dizione e Comunicazione.

Attualmente mi sto rivolgendo a voi perché sempre di più mi viene chiesto di creare un corso per aiutare le persone a parlare in pubblico.

Il “Public Speaking” o meglio dire in italiano il saper parlare in pubblico, è una richiesta che mi viene fatta perché tante persone non sanno come approcciarsi ad una platea, non sanno come e dove tenere le mani, non sanno come gestire le emozioni e l’ansia, ed in particolar modo non sanno parlare.

 

Cosa succede quando ti trovi a parlare davanti a più persone o meglio ancora davanti ad una platea?

Le occasioni di parlare in pubblico sono tante per chi lavora a contatto con altre persone, per chi ha un’attività commerciale, per chi fa spesso riunioni e per chi ha contatti con clienti e deve incontrare e parlare con poca o tanta gente.

  • Parlare a riunioni di lavoro
  • Presentare progetti
  • Tenere una conferenza
  • Reggere un intero convegno
  • Insegnare a corsi e seminari
  • Presentarsi ad un colloquio di lavoro

Le situazioni sopraelencate potrebbero diventare fonte di stress con conseguenze psicofisiche (mal di testa, nausea, vertigini, ansia, attacchi di panico,…), oltre che naturalmente non sapersi esprimere efficaciemente rischiando che la platea si annoi dopo 5 minuti o che alla fine del discorso non abbia capito una parola uscita dalla vostra bocca.

Infatti succede spesso che quando si esce da una conferenza o da un convegno il più delle volte abbiamo difficoltà a capire ciò che è stato appena detto o peggio ancora la maggior parte della platea si è addormentata mentre ascoltava il presunto oratore.

Per raggiungere il successo in pubblico c’è bisogno di sapere alcune regole base e di metterle in pratica finchè diventino una modalità di comunicazione perfetta e ben comprensibile

Che tu abbia davanti 1, 10, 100 o addirittura 1000 persone, che si tratti di vendere un caffè dal bancone del bar, o che sia un seminario o un importante meeting di lavoro, il saper parlare e comunicare con gli altri ti permette prima di tutto di essere ascoltato e in questo modo tu puoi, in maniera naturale, esprimere ciò che vuoi esporre, sia che siano progetti, opinioni, idee, o soltanto esprimersi.

Fino a qualche mese fa non pensavo di poter affrontare il Public Speaking, fino a che una mia allieva a cui insegnavo a leggere per registrare audilibri, mi ha fatto riflettere sul fatto che avevo tutte le carte in regola per poter cominciare questa nuova avventura.

Io mi occupo di Teatro e comunicazione da sempre, e ciò che ho insegnato nei miei corsi è sempre stato finalizzato ad un evento di tipo culturale, spettacolo teatrale, registrazione audio, etc…ma non avevo mai pensato che le mie conoscenze potessero essere d’aiuto in quest’ambito.

Nel mio personale percorso utilizzo varie tecniche di rilassamento psicofisico, dallo yoga al tai chi, dal massaggio alla “Imagination Healing” e al “Theta Healing” e naturalmente tecniche teatrali, vocali e di dizione.

Una particolare attenzione viene data all’utilizzo della voce sulla quale si lavora molto poiché, come avrete potuto notare, ogni essere umano ha la sua particolare e unica voce, e non esiste una voce uguale ad un’altra, questo è indice che la voce è proprio la manifestazione della propria personalità.

Ricordati però che la cosa che ti chiedo è che tu sei importante, e che se tu sai di esserlo anche gli altri lo sanno e ti ascolteranno fino all’ultima sillaba.

Inoltre sorridi, sorridi e usa gli occhi

Il resto te lo dirò durante il corso.

 

 

 

I risultati saranno sorprendenti e ti cambierà la vita perché:

  • ·        Imparerai a sorridere
  • ·        Sentirai il tuo respiro
  • ·        Conoscerai il tuo corpo
  • ·        Amerai ascoltare la tua voce
  • ·        Sarai più rilassato
  • Sarai più felice e soddisfatto del tuo lavoro

 

La tua vita sarà diversa!

 

CV  Simona Generali

Simona Generali  nasce a Lucca nel 1970

Studia danza modern-jazz con il maestro Matt Mattox, danza flamenco con lo spagnolo Fernando Hiram ed espressione corporea con Daniela Bonsch; poi teatro con Perla Peragallo, Nicolaj Vassiliev e Carmelo Bene.

Scopre l'importanza della voce grazie al “Roy Hart Theatre” determinando un cambio di rotta nella sua vita artistica e cominciando a dedicarsi sempre di più alla ricerca teatrale e alla didattica dei metodi appresi.

Collabora alla creazione di progetti multimediali con attrezzatura motion-capture in collaborazione con Gabriele Ciaccia dell’Accademia d’Arte Silvio d’Amico.

Partecipa al corso di alta formazione per performer dello spettacolo dal vivo “Il verso, il suono articolato, la voce - Corso di specializzazione della tecnica vocale molecolare” condotto da Chiara Guidi di “Socìetas Raffaello Sanzio” portando in tournèe in Italia e all’estero lo spettacolo “Madrigale appena narrabile”. Si dedica all’utilizzo della voce recitata e parlata. Insegna lettura creativa, dizione e teatro. Si occupa di comunicazione e in particolar modoil  public speaking.

Debutta come regista-autrice in “Finale di partita” poi anche come regista-autrice-attrice in"Jehanne d'Arc". Altri spettacoli da lei scritti ed interpretati sono “CELLULA STUDIO 1” - “IN-SCATOLA-AZIONE” – “In Canto d’alberi”  –  “Migranti-veglia popolare” - “ Molly Bloom” – “Lo specchio delle anime semplici” “Resistere”

 

 

Simona Generali

349-3445474

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.simonagenerali.it